Contenuto principale

 

 z alto1L'azienda Agricola Zott'a'liva di Campofiorito (Palermo) di Nino Pillitteri, produce olio di oliva extravergine di altissima qualità attraverso le migliori tecniche di raccolta e frangitura delle olive integre e rispettando i più elevati standard igienico-qualitativi. Ricavato da olive Nocellara del Belice e Biancolilla, cultivar ad elevata quantità di acido oleico (acido grasso monoinsaturo, omega-9, ad alte proprietà salutistiche, antiossidanti naturali e vitamine. Gusto fruttato, profumo delicato e un colore verde  intenso con riflessi dorati. Elemento fondamentale della Dieta Mediterranea. Zott'a'liva (percuoti, scuoti le olive in siciliano) è della mia famiglia dal 1927. Durante la seconda guerra mondiale è stata base militare americana. 37.75777N, 13.28177E per la vista aerea.

Campagna Produzione .... 2023

Gusto .............................. Fruttato, deciso, corposo

Profumo .........................  Fresco di frutto maturo

Colore ............................  Verde brillante tendente al dorato

Produzione/Acidità ........  A freddo 24°-26° - 0,12% Val. medio % ac. oleico su 100g olio

 

 20210613 163103

Coltiviamo lentamente 500 alberi di ulivo, 40 ciliegi, 20 noci, 10 fichi e 1 grande gelso bianco. La raccolta delle olive è eseguita a mano e la molitura a freddo presso SOB Olearia di Bisacquino.

Oliva Nocellara del Belice è un prodotto ortofrutticolo italiano con due denominazioni di origine protetta (DOP).
Si tratta di un'oliva particolarmente grossa e gustosa, che si produce dall'omonima cultivar nella Valle del Belice, prevalentemente nel territorio compreso tra Santa Margherita di Belice, Montevago, Castelvetrano, Santa Ninfa, Gibellina, Partanna, Campobello di Mazara, Poggioreale e Salaparuta. Essendo un'oliva a duplice attitudine, si produce un'ottima oliva da mensa. Raccolta da fine Settembre, produce un olio dal profumo interessante e dal gusto particolarmente inteso e corposo, fruttato e con sentori di pomodoro, il Valle del Belice DOP (almeno 70%) e il Valli Trapanesi DOP. È consigliato per arrosti e contorni di verdure, sia crude che cotte. Inoltre è uno degli oli con più polifenoli (340 mg/kg)
È l'unico prodotto in Europa ad avere due DOP per la stessa varietà: "Valle del Belìce" per l'olio (GUCE L. 273 del 21.08.04) e "Nocellara del Belìce" per l'oliva da mensa (GUCE L. 15 del 21.01.98).
L'oliva Nocellara del Belice è usata anche per la produzione del Belicino, un formaggio riconosciuto prodotto agroalmentare tradizionale (P.A.T.) siciliano.

La cultivar di olivo Biancolilla è una delle più antiche in uso in Sicilia occidentale; è caratterizzata da elevata produttività, notevole rusticità.
Deve il suo nome al fatto che la drupa passa dal colorito chiaro dello stato acerbo (verde pisello) a quello più vivace (rosso vinoso) della maturità.
È una pianta a elevata vigoria. Un aspetto molto importante della sua biologia è che si tratta di una varietà autofertile, e per questo viene spesso consociata ad altre cultivar autosterili per l'impollinazione incrociata, come la Nocellara del Belice. Presenta una chioma espansa, e rametti a frutto flessibili, penduli, a internodi lunghi.
Le sono buoni impollinatori Zaituna, Nocellara Messinese, Moresca, Tonda iblea, Morghetana, Nocellara Etnea e Ogliarola Messinese.
Il periodo di fioritura è intermedio (inizio maggio) e l'infiorescenza è corta e con 15-20 mignole. Le drupe, che spesso maturano in grappolini di 3-4, hanno apice conico, e sono caratterizzate da una colorazione molto chiara anche dopo l'invaiatura, tanto che a maturità non diventano scure quanto quelle delle altre cultivar, ma diventano al più di un colorito rosso vinoso.
La produttività è abbastanza alternante e la resa in olio è intorno al 16-18% del peso del raccolto.
L'olio che ne deriva è equilibrato, abbastanza fluido, di colore verde chiaro subito dopo la molitura e giallo paglierino dopo un paio di mesi di decantazione. Questo è fruttato leggero lievemente piccante, e talvolta con sentori di pomodoro, carciofo, mandorla ed erba fresca.